Home » Blog » Cosmetici Lush sono Ecobio? Quanto è sostenibile il marchio Lush?
cosmetici-Lush

Cosmetici Lush sono Ecobio? Quanto è sostenibile il marchio Lush?

5
(599)

I cosmetici Lush sono approdati in Italia già da qualche anno e, grazie alla campagna pubblicitaria diventano sempre più popolari. Lo slogan con cui tutti conosciamo questi cosmetici recita:

FRESCHI E FATTI A MANO

Lush

Cosa c’è dietro e quanto sono davvero buoni i cosmetici Lush tanto trendy? Andiamo assieme ad approfondire tutti i dettagli di questi cosmetici così popolari.

Pervasive nuvole di profumo, colori accesi, cosmetici presentati come verdure al mercato settimanale. Lush crea attorno ai suoi cosmetici delle location davvero accattivanti. Inoltre, i cosmetici sono accompagnati da strategie di marketing che attirano l’attenzione dei consumatori più snesibili:

  • nessun test sugli animali,
  • nessun imballaggio,
  • commercio equo e solidale,
  • vegetariano,
  • fresco e fatto a mano.

Cos’altro desiderare da un prodotto cosmetico? Sembra il prodotto perfetto ma può davvero il marchio Lush mantenere tutte le promesse fatte? E soprattutto, possiamo considerare questo marchio Ecobio? Scopriamolo assieme!

Lush non è un cosmetico Ecobio e naturale

Se ti stai chiedendo se i cosmetici Lush sono certificati Ecobio, la risposta è “Assolutamente NO”. Infatti, anche se il marchio, con la sua pubblicità ridondante, il suo packaging e altri elementi possono far credere ai consumatori di avere a che fare con prodotti cosmetici naturali, la verità è un’altra: purtroppo Lush non è un marchio di cosmetici naturali.

Posso affermare questo prima di tutto perché Lush non usa solo ingredienti naturali ma anche sostanze sintetiche. Inoltre, per la formulazione dei prodotti, non esiste una proporzione fissa tra sostanze naturali e sostanze sintetiche, come accade invece per i prodotti cosmetici certificati Ecobio. Nell’esempio qui sotto puoi notare da solo che nella lista degli ingredienti alcune sostanze sono in verde (ingredienti naturali) e altri in nero (ingredienti sintetici sicuri). L’immagine è tratta dalla pagina del sito ufficiale.

Il secondo motivo per cui Lush non può essere considerato un marchio green è perché l’azienda non dispone di una certificazione da parte di nessun ente preposto a verificare la provenienza delle materie prime impiegate per le formulazioni. Infatti, per stabilire la formulazione naturale dei suoi prodotti, l’azienda Lush si affida alle proprie linee guida e standard.

I lettori che seguono Amametia da qualche tempo, sanno già che i produttori di cosmetici se vogliono definirsi “100% naturali” devono esibire dei certificati. Per ottenere i certificati i cosmetici devono soddisfare requisiti rigorosi e vengono regolarmente controllati da laboratori specializzati come EcocertNatrue o Cosmos. Gli enti certificatori garantiscono che i produttori aderiscono a standard di sostenibilità ben definiti che rappresentano un marchio di qualità per i consumatori che li acquistano.

Lush, cosmetici freschi e fatti a mano?

“Tutti i nostri prodotti sono fatti freschi e fatti a mano”,

Lush

Secondo l’azienda, i prodotti sono “fabbricati in stanze che ricordano più cucine che grandi capannoni di produzione”.

L’azienda lavora con ingredienti freschi e, secondo le proprie dichiarazioni, preferisce lavorare frutta e verdura. Per questa ragione i cosmetici a volte hanno una durata di conservazione più breve del solito, alcuni solo poche settimane.

Tuttavia, Lush non utilizza solo ingredienti freschi e di origine naturale. Infatti, come si può leggere nell’INCI di alcuni dei suoi prodotti, oltre agli ingredienti a base di erbe, l’azienda utilizza anche “ingredienti sintetici sicuri”. Inoltre, non tutte queste sostanze sono generalmente considerate sicure; alcune sono sospettate di essere pericolose per la salute (vedi sotto). Infine, la maggior parte di esse non è consentita nei cosmetici naturali.

Lush: è biologico?

Lush pubblicizza ingredienti freschi e di alta qualità e scrive:

“Acquistiamo sempre materie prime biologiche quando possibile”

L’elenco degli ingredienti provenienti da agricoltura biologica è indicato sulla confezione dei cosmetici. Generalmente solo il 19% delle materie prime usate proviene da agricoltura biologica.

Ingredienti lussureggianti: display trasparente, sostanze problematiche

L’azienda Lush è convinta “che i clienti abbiano il diritto di sapere esattamente cosa c’è nei prodotti che acquistano. Di conseguenza, gli ingredienti sono elencati su tutti i prodotti in ordine di quantità decrescente “. Questa non è una novità poiché indicare tutti gli ingredienti presenti in un cosmetico (o qualunque altro prodotto) in ordine decrescente è obbligatorio in Europa (e in altri Paesi). La legislazione europea ha espresso direttive ben precise che riguardano i cosmetici (LINK). Possiamo dedurre da soli che quello dichiarato da Lush non è un servizio speciale ai consumatori dato dall’azienda.

Tuttavia, posso dire a favore di Lush che le informazioni sugli ingredienti dei singoli prodotti presenti nei negozi fisici e online sono in realtà eccezionalmente chiare e facili da capire. Molti ingredienti non sono solo indicati con il nome INCI, ma anche spiegati e tradotti in diverse lingue e viene fatta una distinzione a colori tra ingredienti “naturali” (verde) e “sintetici sicuri” (nero).

Inoltre, dobbiamo notare com Lush cerca di giustificare l’uso di alcuni di questi ingredienti sintetici, come i parabeni e il laurilsolfato di sodio, in lunghe spiegazioni. Le spiegazioni tuttavia, si basano principalmente sulla critica degli studi esistenti.

Conservanti sintetici e fragranze preoccupanti

Secondo l’azienda, l’82% dei cosmetici Lush è privo di conservanti sintetici. Purtroppo Lush usa ancora i parabeni per la conservazione dei suoi cosmetici. Come abbiamo spiegato nell’articolo precedente, i Siliconi nei cosmetici possono creare dei danni irreparabili alla salute umana.

L’azienda Lush usa il metil paraben e propil paraben per la conservazione dei suoi prodotti. Studi scientifici (Parabens and their effects on the endocrine system) hanno dimostrato l’interferenza di queste due sostanze con il funzionamento del sistema endocrino. Altri studi (LINK) invece, mettono in evidenza i potenziali effetti estrogenici dei parabeni nella fase prepuberale di un ratto femmina.

Oltre ai controversi parabeni e ai laurilsolfati di sodio, Lush utilizza anche derivati ​​PEG/PEG, che si sospetta rendano la pelle più permeabile alle sostanze nocive.

Molti prodotti contengono anche fragranze considerate potenzialmente allergeniche, come la fragranza altamente allergenica Lilial (nell’elenco degli ingredienti “Butylphenyl Methylpropional”). La maggior parte dei siti per la salvaguardia della salute dei consumatori sconsigliano l’uso di prodotti che contengono Lilial perché si sospetta che la fragranza interferisca con la fertilità. Secondo le sue stesse informazioni, Lush ha dichiarato che a partire da marzo 2022, tutti i prodotti dovrebbero essere privi di Lilial.

Öko-Test critica anche l’uso della discutibile fragranza isoeugenolo. Anche alcuni dei coloranti che conferiscono ai prodotti Lush i loro colori brillanti sono considerati tossici.

Nessuno di questi coloranti di origine sintetica è ammesso nei cosmetici naturali certificati.

Lush e l’olio di palma

Lush è molto trasparente per quanto riguarda l’uso dell’olio di palma. Secondo le sue stesse informazioni, l‘azienda non utilizza più olio di palma puro. Ma: “Anche se non usiamo più l’olio di palma direttamente nei nostri prodotti, alcuni dei nostri ingredienti sintetici sicuri contengono derivati ​​dell’olio di palma perché finora non siamo stati semplicemente in grado di trovare alternative adeguate”, si legge su un argomento sull’olio di palma. In questa pagina tratta dal sito ufficiale, il produttore stesso elenca quali ingredienti sono ancora oggi a base di olio di palma.

Lush non è solo ad avere questo problema. Infatti, anche i produttori di cosmetici naturali e detergenti ecologici hanno difficoltà a escludere completamente l’uso dell’olio di palma. Molti degli ingredienti che acquistano non sono (ancora) disponibili in qualità ecologica o senza olio di palma. Inoltre, non è sempre possibile scoprire su quali basi sono state prodotte determinate sostanze.

Lush “Commercio etico” senza certificazione

Lush afferma di procurarsi gli ingredienti da rivenditori “etici” e afferma di acquistare il maggior numero possibile d’ingredienti per produrre i suoi cosmetici direttamente dai produttori.

L’azienda rispetta solo i propri standard etici ed ecologici e dichiara di sostenere i produttori locali. Il Lush “Ethical Buying Team” controlla anche le condizioni di produzione in loco senza preavviso.

Tuttavia, la percentuale d’ingredienti del commercio equo è bassa: “Tra luglio 2020 e giugno 2021, un totale del 9% delle materie prime naturali per i cosmetici del mercato europeo erano del commercio equo”, scrive una portavoce dell’azienda. Ci sono anche alcuni ingredienti equamente commercializzati ma non certificati.

“Utilizzare un logo che mostri che qualcun altro ha controllato le nostre catene di approvvigionamento può avere senso, ma preferiamo controllarlo da soli”,

Le linee guida di acquisto dell’azienda si applicano alla selezione di tutti i fornitori.

In teoria, questo significa che Lush può avere il pieno controllo sulla sua catena di approvvigionamento e fare tutto bene – ma è difficile verificare dall’esterno quanto siano effettivamente “etiche” le relazioni commerciali.

Cosmetici Lush: vegani e cruelty free

Tutti i prodotti Lush sono cruelty free e attualmente il 95% dellintera gamma dei cosmetici è persino vegano. Inoltre, l’intero processo di produzione è esente da test sugli animali. Il produttore di cosmetici utilizza solo materie prime provenienti da aziende che non sono coinvolte nella sperimentazione animale o che vendono i propri prodotti ad altre aziende coinvolte nella sperimentazione animale.

La sperimentazione animale per i cosmetici è stata vietata nell’UE dal 2013. 

I cosmetici Lush e il packaging riciclabile

Anche se le critiche possono essere appropriate altrove: Lush fa molte cose nel modo giusto quando si tratta d’imballaggio.

Come una delle prime aziende di cosmetici, Lush offre shampoo e palline da bagno in forma solida senza imballaggio dagli anni ’90 e la gamma di prodotti non confezionati è davvero enorme. I prodotti per la cura della persona in formato solido sono venduti sfusi nei negozi Lush, alcune saponette possono essere tagliate nella misura desiderata. Dopo aver acquistato la merce, la porti a casa in sacchetti di carta riciclata.

L’azienda sviluppa regolarmente nuovi prodotti solidi senza imballaggio. Attualmente si trovano oli per il viso, rossetti e profumi in forma solida prodotti dall’azienda Lush.

Molte delle creme, lozioni e maschere confezionate sono offerte in piccoli vasetti di plastica nera: questi sono realizzati in PP riciclato, vengono ritirati da Lush e riciclati in nuovi contenitori a ciclo chiuso.

Conclusione: buona l’idea, ma si può fare di più

Fondamentalmente, Lush ha un concetto interessante: ridurre al minimo gli imballaggi e utilizzare materiali riciclati, evitare i test sugli animali, ridurre l’olio di palma e utilizzare ingredienti prevalentemente naturali. Tutti questi obiettivi sono considerati positivi e lungimiranti. Per questo motivo posso considerare i prodotti Lush più sostenibili rispetto a tanti altri presenti sul mercato.

Tuttavia, non dovresti lasciarti ingannare dalla campagna pubblicitaria, vorrei ricordarti che Lush non produce ancora cosmetici naturali. Infatti, come abbiamo già detto precedentemente, utilizza alcuni ingredienti controversi e non vuole che le sue promesse siano verificate da organismi di certificazione indipendenti. 

Le aziende che producono davvero cosmetici naturali stanno già facendo molti passi avanti, almeno in termini di ingredienti e verificabilità. Per dare il tuo contributo, ti consiglio di usare cosmetici naturali certificati ed evitare prodotti e imballaggi non necessari.

Se hai dubbi o domande da fare puoi contattarmi su Messenger.

Aiutaci a promuovere questo sito e condividi l’articolo su Facebook per far conoscere anche alle persone che conosci le opinioni sui cosmetici più popolari. Nella pagina CHI SIAMO puoi scoprire le nostre vite e passioni e qual è lo scopo benefico del progetto Amametia

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 5 / 5. Vote count: 599

No votes so far! Be the first to rate this post.

error: Content is protected !!